Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo


Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo
viene rilasciato agli stranieri che risiedono in Italia per un periodo continuativo e stabile. È disciplinato dall’art. 9 del Testo Unico sull’Immigrazione e può essere richiesto da cittadini stranieri che possiedono i seguenti requisiti:

– Essere in possesso da almeno 5 anni di un permesso di soggiorno in corso di validità
(le assenze dello straniero dal territorio italiano non interrompono la durata del periodo di 5 anni purché non superino i 6 mesi consecutivi o i 10 mesi nel quinquennio, a meno che tale interruzione non dipenda da motivi gravi e documentati di salute o da altri gravi e comprovati motivi), non può essere rilasciato ai titolari di permesso di soggiorno per motivi di studio, formazione professionale, protezione temporanea, motivi umanitari, asilo, permesso di soggiorno di breve durata;
– Avere un alloggio idoneo che rientri nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica o che sia fornito dei requisiti di idoneità igienico-sanitaria accertati dall’unità sanitaria locale competente;
– Non essere pericoloso per la sicurezza dello Stato e l’ordine pubblico (l’eventuale provvedimento di diniego di rilascio dovrà riportare un’articolata motivazione sugli elementi che hanno contribuito a formulare un giudizio di pericolosità attuale e concreta);
– Aver superato il test di conoscenza della lingua italiana;
– Dimostrare di avere un reddito minimo, pari all’importo dell’assegno sociale. Se si fa richiesta anche per i propri familiari, il reddito è quello indicato di seguito:

o 2-3 familiari = importo annuo pari al doppio dell’assegno sociale;
o 4 o più familiari = importo annuo pari al triplo dell’assegno sociale.

I familiari per i quali è possibile richiedere il permesso di soggiorno CE sono gli stessi per i quali si può richiedere il ricongiungimento familiare (coniuge, figli minori anche del coniuge o nati fuori del matrimonio, figli maggiorenni a carico che non possano permanentemente provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute, genitori a carico).

Il permesso di soggiorno UE è a tempo indeterminato e può essere usato come documento di riconoscimento a condizione che si rinnovi la fotografia ogni 5 anni.
Per richiederlo, è necessario presentare domanda alla questura tramite una raccomandata da un Ufficio Postale dotato di Sportello Amico, dove è possibile richiedere l’apposito kit a banda gialla. Oltre al modulo presente nel kit, debitamente compilato e firmato dal richiedente, bisogna allegare la seguente documentazione:

– Fotocopia di tutto il passaporto;
– Fotocopia del codice fiscale;
– Fotocopia della dichiarazione dei redditi (Unico, CUD ecc. relativi all’anno precedente). Ai collaboratori domestici (colf/badanti) è richiesta l’esibizione dei bollettini INPS o l’estratto contributivo analitico rilasciato dall’INPS;
– Certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali (entrambi devono essere richiesti presso l’Ufficio del Casellario del Tribunale);
– Fotocopia del permesso di soggiorno in corso di validità;
– Certificato di superamento del test di conoscenza della lingua italiana;
– Copia delle buste paga relative all’anno in corso;
– Documentazione relativa alla residenza e allo stato di famiglia;
– Ricevuta del pagamento di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico;
– Marca da bollo del valore di 16,00 euro;
– Versamento del contributo di 200,00 euro;

Il costo della raccomandata è di 30,00 euro.

• RICHIESTA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO UE PER CONIUGE CONVIVENTE

Il coniuge di uno straniero titolare di permesso di soggiorno UE può richiedere un proprio permesso nominativo presentando personalmente richiesta alla questura competente tramite raccomandata. Il coniuge può, infatti, richiedere il rilascio del permesso per motivi familiari compilando il modulo 1 dell’apposito kit a banda gialla presso un Ufficio Postale dotato di sportello amico e allegando la seguente documentazione:

– Marca da bollo del valore di 16,00 euro;
– Modulo 2 compilato SOLO in caso di possesso di reddito proprio;
– Fotocopia di tutto il passaporto;
– 4 foto formato tessera;
– Fotocopia dichiarazione redditi del coniuge (Unico, CUD ecc. relativi all’anno precedente) e propria se posseduta. Ai collaboratori domestici (colf/badanti) è richiesta l’esibizione dei bollettini INPS o l’estratto contributivo analitico rilasciato dall’INPS;
– Certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali (entrambi devono essere richiesti presso l’Ufficio del Casellario del Tribunale);
– Fotocopia del certificato di idoneità alloggiativa;
– Certificato di superamento del test di conoscenza della lingua italiana;
– Fotocopia documentazione anagrafica attestante il rapporto di unione. Se proveniente dall’estero la certificazione deve essere tradotta e legalizzata dalla Rappresentanza Diplomatica/Consolare italiana; (Clicca qui)
– Ricevuta del pagamento di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico;
– Versamento del contributo di 200,00.

Il costo della raccomandata è di 30,00 euro.

• RICHIESTA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO UE PER GENITORI A CARICO CONVIVENTI

Il genitore a carico di uno straniero titolare di permesso di soggiorno UE può richiedere un proprio permesso nominativo presentando personalmente richiesta alla questura competente tramite raccomandata. Il genitore può richiedere il rilascio del permesso per motivi familiari compilando il modulo 1 dell’apposito kit a banda gialla presso un Ufficio Postale dotato di sportello amico e allegando la seguente documentazione:

– Marca da bollo del valore di 16,00 euro;
– Fotocopia di tutto il passaporto;
– 4 foto formato tessera;
– Certificato di superamento del test di conoscenza della lingua italiana;
– Fotocopia dichiarazione redditi del figlio (Unico, CUD ecc. relativi all’anno precedente). Ai collaboratori domestici (colf/badanti) è richiesta l’esibizione dei bollettini INPS o l’estratto contributivo analitico rilasciato dall’INPS;
– Certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali (entrambi devono essere richiesti presso l’Ufficio del Casellario del Tribunale);
– Fotocopia del certificato di idoneità alloggiativa;
– Autocertificazione relativa alla residenza e allo stato di famiglia;
– Fotocopia documentazione anagrafica attestante il rapporto di parentela. Se proveniente dall’estero la certificazione deve essere tradotta e legalizzata dalla Rappresentanza diplomatica/consolare italiana; (Clicca qui)
– Ricevuta del pagamento di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico;
– Versamento del contributo di 200,00 euro.

Il costo della raccomandata è di 30,00 euro.

• RICHIESTA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO UE PER FIGLI MINORI CON PIU’ DI 14 ANNI

Il figlio, di età superiore ai 14 anni, convivente di uno straniero titolare di permesso di soggiorno UE può richiedere un proprio permesso nominativo presentando personalmente richiesta alla questura competente tramite raccomandata. Il figlio può richiedere il rilascio del permesso per motivi familiari compilando il modulo 1 dell’apposito kit a banda gialla presso un Ufficio Postale dotato di sportello amico e allegando la seguente documentazione:

– Marca da bollo del valore di 16,00 euro;
– Fotocopia di tutto il passaporto;
– 4 foto formato tessera;
– Fotocopia dichiarazione redditi del genitore (Unico, CUD ecc. relativi all’anno precedente). Ai collaboratori domestici (colf/badanti) è richiesta l’esibizione dei bollettini INPS o l’estratto contributivo analitico rilasciato dall’INPS;
– Fotocopia documentazione anagrafica attestante lo stato di figlio minore. Se tale documentazione proviene dall’estero, la certificazione deve essere tradotta e legalizzata dalla Rappresentanza Diplomatica/Consolare italiana (Non è richiesta tale documentazione se il minore ha fatto ingresso con visto per ricongiungimento familiare) (Clicca qui)
– Fotocopia del certificato di idoneità alloggiativa;
– Ricevuta del pagamento di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico,
– Versamento del contributo di 200,00 euro.

Il costo della raccomandata è di 30,00 euro.

  • FIGLI MINORI DI 14 ANNI

Non c’è bisogno di fare domanda di permesso di soggiorno UE. È il genitore stesso che, al momento della richiesta del proprio permesso di soggiorno, dovrà richiedere anche l’iscrizione del figlio minore di 14 anni sul proprio, compilando la parte corrispondente nel modulo 1. Dall’entrata in vigore del nuovo permesso di soggiorno elettronico, i figli minori già dall’età di 6 anni avranno una loro tessera individuale, che costituisce un allegato dell’autorizzazione del famigliare e non costituisce, singolarmente, un titolo valido per il soggiorno in Italia. (Clicca qui)
Al compimento del quattordicesimo anno di età che il figlio dovrà fare richiesta per un proprio autonomo permesso di soggiorno.

• STRANIERO TITOLARE DI PERMESSO DI SOGGIORNO UE RILASCIATO DA UN ALTRO STATO MEMBRO DELL’UNIONE EUROPEA

Lo straniero titolare di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo che sia stato rilasciato da un altro Stato membro dell’Unione Europea può richiedere di soggiornare sul territorio italiano per un periodo superiore a 3 mesi al fine di:

– Frequentare un corso di studi o formazione professionale;
– Esercitare un’attività economica in qualità di lavoratore autonomo o subordinato. In quest’ultimo caso, lo straniero dovrà preliminarmente richiedere allo sportello unico per l’immigrazione della prefettura della provincia in cui dimora, la concessione della particolare autorizzazione al lavoro;
– Trattenersi per altro scopo lecito, dimostrando di possedere mezzi di sussistenza sufficienti, pari ad almeno il doppio dell’importo minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria e stipulando una polizza assicurativa sanitaria per il periodo del soggiorno (per sapere come ottenere l’assicurazione clicca qui).

In questo caso, lo straniero ottiene un permesso di soggiorno (non UE) annuale o biennale rinnovabile alla scadenza e ai suoi familiari viene rilasciato un permesso per motivi di famiglia.

  • AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO UE

Per l’aggiornamento del permesso di soggiorno UE è necessario presentare domanda alla questura tramite una raccomandata da un Ufficio Postale dotato di Sportello Amico, dove è possibile richiedere l’apposito kit a banda gialla. Il permesso di soggiorno UE deve essere aggiornato allegando l’apposita documentazione per ciascuna delle seguenti motivazioni:

– Cambio di domicilio o residenza:
Nel quale caso è sufficiente compilare il modulo 1;

– Inserimento figlio minore di 14 anni:
Compilare modulo 1, inserire il certificato di nascita e, se ha fatto ingresso con ricongiungimento, inserire il passaporto. Inserire inoltre il certificato di frequenza scolastica se il minore è in età soggetta al diritto-dovere all’istruzione;

– Modifica dati del passaporto:
Allegare copia del nuovo passaporto;

– Variazione dati anagrafici:
Compilare il modulo 1 e inserire le dichiarazioni delle rappresentanze diplomatiche sulle motivazioni delle variazioni di nome cognome ecc;

– Aggiornamento delle foto:
Compilare il modulo 1. Questa operazione deve obbligatoriamente essere eseguita ogni 5 anni solo nel caso in cui il titolo venga utilizzato come documento di identità.

L’aggiornamento del permesso di soggiorno NON prevede il pagamento del contributo di 200,00 euro.

One Comment

  • giorgio lombardini 9 febbraio 2016 at 16:20

    chiedo cortesemente se uno straniero titolare di impresa commerciale con permesso di soggiorno biennale da rinnovare entro 31/10/2016 e che ha aperto una nuova azienda nel 2015 con conseguente perdita gestionale dato l’inizio attività, possa considerare come reddito quello del 2014 ( unico 2015) di euro 19.000,00 circa ,o se può fare la media dei due anni ,o se deve avere anche per il 2015 reddito pari o superiore assegno sociale. Grazie per la collaborazione . Giorgio Lombardini

Post a Comment

Your email is kept private. Required fields are marked *